Gestione Covid in Lombardia: Fontana deve andare a casa
COVID, MAIL FONTANA

TINO MAGNI: Fontana e il centrodestra devono andare a casa. Perchè, chi ha preso in mano le redini della sanità lombarda dopo Gallera, non ha denunciato nulla?

Abbiamo sempre avuto il sospetto che ci fossero state delle pressioni sulla realizzazione della Zona Rossa ad Alzano e nelle valli  bergamasche ma non pensavamo che si fosse arrivati a questo punto. Spero che i cittadini lombardi se ne ricordino quando saranno nell’urna. Fontana e il centrodestra devono andare a casa. Questa Regione merita di meglio. Poi mi chiedo: perché chi ha preso in mano le redini della sanità lombarda dopo Gallera non ha denunciato nulla? Tacere davanti a tutto questo non è meno grave di scrivere quella mail.

SINISTRA ITALIANA MILANO ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE

AMA LA LIBERTÀ CONTRO OGNI GUERRA E OGNI FASCISMO

IL 4 DICEMBRE DA PIAZZA FONTANA A MILANO

Domenica 4 dicembre, alle ore 15, Sinistra Italiana Milano parteciperà alla manifestazione “Ama la libertà contro ogni guerra e ogni fascismo”che partirà da Piazza Fontana e terminerà in Largo Cairoli a Milano.

Risponde quindi all’appello indetto dagli organizzatori: «Costruiamo una piazza antifascista, transfemminista, ecologista, antirazzista, antimilitarista e internazionalista, vicino ai popoli coinvolti nelle tante guerre in corso nel mondo, che esprima la nostra voglia di libertà contro ogni attacco all’autodeterminazione dei corpi e dei popoli, invitando le reti e le realtà cittadine attive in modi diversi su questi temi. Una piazza contro le falsità di chi invece chiede la pace, avallando però un’aggressione militare che fa strage di civili e di chi sogna il ventennio, sostenendo una società omofoba, misogina e razzista. Una piazza vicina allə curdə da sempre minacciatə dalla Turchia, stato che scatena una guerra per cancellare un popolo, allə cittadinə iranianə in lotta per la libertà, che metta a nudo anche le complicità dell’Europa e della stessa Italia che fornisce armi all’Iran e alla Turchia. Chiamiamo la #Milano che ama la #libertà, che crede in futuro senza armi e né guerre, che tante volte si è mobilitata contro il fascismo.»

Sinistra Italiana Milano ha incontrato Prefetto e Questore di Milano per esprimere preoccupazione circa i numerosi episodi e le svariate provocazioni compiute da organizzazioni nazifasciste nei quartieri e davanti alle scuole di Milano (Liceo Virgilio).

Contestualmente ha segnalato la manifestazione contro la guerra organizzata da Lealtà e Azione il prossimo 4 dicembre a Milano evidenziandone i connotati palesemente fascisti e il relativo rischio di alzare la tensione in città.

I fascisti non hanno nessuna legittimità politica e morale per parlare di pacecome dimostrato dalla loro storia fatta di guerre, colonialismo e oppressione dei popoli e Lealtà e Azione è una organizzazione dichiaratamente fascista e neonazista.

«In questo clima revisionista a tutto tondo abbiamo incontrato Prefetto e Questore, rappresentanti delle istituzioni nella nostra città, e abbiamo chiesto, come giustamente già fatto dall’ANPI, di negare le piazze a questo tipo di provocazioni e di trovare un modo per abbassare la tensione. – commenta Tino Magni, neoeletto senatore Alleanza VerdiSinistra – Invitiamo i democratici e gli antifascisti alla mobilitazione per la salvaguardia del carattere profondamente antifascista della nostra città medaglia d’oro della Resistenza.»

Nei giorni scorsi, inoltre, l’onorevole Tino Magni ha presentato una interrogazione parlamentare in Senato in cui ha segnalato i diversi episodi di cui i neofascisti si sono resi protagonisti sia a Milano che in Lombardia.

 

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *