Le ultime notizie provenienti dall’Ucraina dicono che Putin, alla notizia che gli USA avrebbero fornito le “bombe a grappolo” all’esercito Ucraino, ha risposto che in tal caso le useranno anche i Russi (sospettati invero di averle già usate da tempo).

Così, anche per i prossimi dieci anni, ammesso sperabilmente che prima o poi si arrivi finalmente a una pace , i bambini ucraini avranno il piacere di saltare in aria e rimanere gravemente menomati da centinaia di bombe inesplose disseminate per tutta l’Ucraina.

I generali ucraini però hanno tranquillizzato la popolazione: hanno detto che le useranno solo contro “concentrazioni di soldati russi” per stanarli dalle loro difese. Meno male, pensavamo che le volessero usare per coltivare i pomodori !

Ma anche i Russi, non c’è da dubitarne, le useranno contro le “concentrazioni di soldati ucraini”. Qualcuno potrà essere contento perchè sempre meglio le “cluster bombs” che la “bomba atomica tattica”: c’è sempre un bicchiere mezzo pieno a consolarci !

Intanto sembra che la tanto sbandierata “controffensiva ucraina” non stia andando tanto bene: fonti indipendenti (americane e inglesi) hanno dichiarato che gli Ucraini hanno gìà perduto in guerra almeno il 20% delle armi che la NATO ha consegnato loro e sembra che i famosi carri armati Leopard, sulla cui eventuale consegna abbiamo discusso per mesi, non siano poi questa “folgore di guerra”, anzi funzionano maluccio (mai fidarsi dei Tedeschi !) e insomma i Russi si difendono molto bene, anche se le perdite umane sono sicuramente molto elevate sia da una parte che dall’altra. Gli Ucraini non sono riusciti ad approfittare neanche della diserzione di Prigozhin e del suo “Gruppo Wagner”, e sono avanzati pochissimo anche quando l’esercito russo sembrava quasi nel marasma !

Del resto non ho mai visto nella Storia una controffensiva così tanto annunciata: quando Hitler decise di attaccare Stalin si guardò bene dal dirgli quando e dove avrebbe attaccato !

Intanto in Europa e non solo abbiamo un attacco di calura come non si è mai visto: la giovane Greta Thunberg è tornata farsi sentire, come per dire “ve l’avevo detto !”.
Del resto le bombe , le esplosioni di gas e di depositi petroliferi non contribuiscono molto a diminuire la quantità di anidride carbonica immessa nell’atmosfera come avevamo sperato fino a qualche anno fa. L’ “Agenda 2030“, il programma europeo di diminuzione delle emissioni inquinanti, su cui molti insegnanti anche a Lecco avevano basato i loro programmi di Educazione Civica, ora possiamo buttarla direttamente nel cestino.

I ghiacciai si scioglieranno ? Probabilmente si ! Il livello del mare salirà ? Probabilmente si ! Tutte le più fosche previsioni degli scienziati si avvereranno da qui ai prossimi vicinissimi anni ? Anche questo !

Ma l’importante è che Putin, evidentemente un pazzo che crede di vivere nel XVIII secolo e non nel XXI , e non ha capito che ormai i destini del mondo sono tutti collegati, e quello che succede da una parte si riverbera sull’altra, e che la “globalizzazione” non è solo un concetto economico, non riesca a conquistare definitivamente il Donbass.

Ma forse il pazzo non è solo lui !

Enrico Baroncelli

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *