Una balena megattere si era impigliata in una ragnatela di trappole e linee per granchi. Era appesantita da centinaia di libbre di trappole che le hanno fatto fatica a rimanere a galla. Aveva anche centinaia di metri di corda avvolte intorno al corpo, la coda, il busto, una linea che le tirava la bocca.
Un pescatore l’ha avvistata appena ad est delle isole Faralon (fuori dal Golden Gate) e ha chiesto aiuto via radio. Nel giro di poche ore è arrivata la squadra di soccorso e ha determinato che era così male, l’unico modo per salvarla era tuffarsi e sbrogliarla…. una proposta molto pericolosa.
Uno schiaffo di coda potrebbe uccidere un soccorritore.
Hanno lavorato per ore con i coltelli curvi e alla fine l’hanno liberata.
Quando era libera, i sommozzatori dicono che nuotava in quelli che sembravano circoli gioiosi. Poi è tornata da ogni sommozzatore, uno alla volta, li ha spinti e spinti delicatamente, ringraziandoli.
Il tizio che le ha tagliato la corda dalla bocca dice che il suo occhio lo ha seguito per tutto il tempo, e non sarà più lo stesso.

Gavasheli Mari NATIONAL GEOGRAPHIC

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *