• 17 April 2024
0 Comments

Il Partito Democratico si unisce alla mobilitazione che sta nascendo in difesa del Fondo Nazionale per
i Disturbi Alimentari, e lo fa con il proprio Dipartimento su
Salute e Sanita’, guidato da Marina Sereni, affiancata, con la
delega a Giovani e Salute, dalla deputata Rachele Scarpa e da
Marco Furfaro, responsabile welfare della segreteria Pd. “Come
Partito Democratico avevamo gia’ presentato alla Camera lo
scorso novembre una mozione che impegnava il governo a fare di
piu’ in tema di contrasto ai disturbi alimentari”, si legge in
una nota. “Proprio durante la discussione e il voto sulla nostra
mozione abbiamo dovuto assistere all’ipocrisia della destra, che
ha rigettato gli unici due punti che implicavano un reale
impegno economico: il potenziamento e la piena attuazione dei
progetti legati al fondo nazionale e l’inserimento delle
prestazioni per i disturbi del comportamento alimentare in una
categoria dedicata dei Livelli Essenziali di Assistenza.

Lo scellerato azzeramento del fondo previsto dalla finanziaria si
e’ quindi posto in linea con quanto la destra aveva gia’ deciso
ancora a novembre. Il Pd ora vuole spingere la mobilitazione dal
basso, coinvolgendo i territori e gli enti locali: abbiamo
predisposto una mozione che presenteremo in tutti i consigli
comunali e regionali in cui si esprime la richiesta al governo
per il ripristino immediato del Fondo nazionale per il contrasto
ai disturbi del comportamento alimentare e perche’ finalmente i
LEA includano in modo specifico questi disturbi. ll Pd e’ poi al
fianco delle associazioni e del movimento Lilla che stanno
promuovendo la mobilitazione nazionale del 19 gennaio”.

(AGI)

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *