• 17 April 2024
0 Comments

Mercato del lavoro in Lombardia: sale l’occupazione, ma si inizia a ricorrere alla cassa. Il
commento di CISL Lombardia
In crescita l’occupazione in Lombardia. A commentare la fotografia
scattata dall’Osservatorio economico di Unioncamere Lombardia è Enzo Mesagna, segretario
regionale CISL Lombardia.

“I dati diffusi da Unioncamere Lombardia relativamente al terzo trimestre 2023 sono positivi, con un
incremento di forza lavoro del 2,2%, che equivale a circa 100mila posti di lavoro in più in Lombardia –
spiega Mesagna – Un segnale importante che ha due declinazioni: la prima quantitativa, con un’
occupazione che cresce in termini numerici soprattutto tra le donne e nel settore dei servizi, con
punte nel commercio e turismo a significare un cambio del tessuto produttivo della Lombardia. Il
secondo aspetto riguarda la crescita qualitativa: aumentano infatti i contratti a tempo indeterminato,
figli anche delle trasformazioni avvenute nel corso del 2023 con passaggi da tempo determinato a
indeterminato. Questa stabilità dell’occupazione non può fare che bene alla nostra regione, ai
lavoratori e alle lavoratrici in primis, ma all’intero sistema economico. Sistema in cui, come anticipato,
assistiamo a un cambiamento del tessuto produttivo in corso ormai da qualche tempo: le grandi
imprese storiche hanno chiuso o stanno cambiando pelle, lasciando ampio spazio ai servizi –
commercio, turismo, logistica, servizi alla persona – che stanno assumendo dimensioni importanti.

Oggi c’è sempre più bisogno di persone che lavorino nei servizi, pensiamo solo all’invecchiamento
della popolazione che necessita di una serie di attenzioni che prima non c’erano o erano in capo
esclusivamente alla famiglia; così come logistica: oggi l’e-commerce sta spopolando con relativa
spinta alla dimensione occupazionale. Infine il turismo: le stagioni si stanno allungando e la presenza
turistica non è più limitata a pochi mesi l’anno anche nella nostra regione. Tutto ciò è ben visibile sia
nell’aumento dei dipendenti del settore che nella crescita del tasso di occupazione femminile”.
Tra i dati più negativi, invece, il persistere del mismatch tra domanda e offerta e il ricorso alla cassa
integrazione.

“Accanto a un mercato del lavoro che aumenta nei numeri, con una continua la ricerca di personale
da parte delle imprese – prosegue Mesagna – persiste uno zoccolo duro di inattività, composto
prevalentemente da giovani, i cosiddetti Neet, e di donne che continuano a restare escluse da mondo
lavoro. Questo è un problema che dobbiamo aggredire affinché l’incontro tra domanda e offerta possa
raggiungere livelli che tutti auspichiamo. La crisi demografica ha delle ricadute importanti in questa
dinamica: stanno diminuendo i lavoratori e le imprese faticano e faticheranno sempre più a reperire
manodopera e professionalità. Dobbiamo continuare a promuovere insieme a Regione Lombardia
azioni mirate affinché si possa favorire l’accesso di queste persone nel mondo del lavoro anche
attraverso percorsi formativi rivolti ad accrescere le competenze dei lavoratori e delle lavoratrici
proprio per facilitare l’incontro tra domanda e offerta”.

“Per quanto riguarda la cassa integrazione – conclude il segretario – purtroppo verso la fine dello
scorso anno abbiamo iniziato a lamentare l’aumento di ore di cassa integrazione ordinaria, un segnale
negativo che ci fa preoccupare per il 2024. La situazione di incertezza di politica e economia
internazionale, pensiamo alle due guerre in corso, stanno portando le imprese a rallentare i processi di
investimento che avevano messo in conto. Sicuramente l’aumento del costo del denaro ha favorito
questo processo di rallentamento con il risultato che in questa fase abbiamo aumenti di ore di cassa
integrazione ordinaria, quindi per ora una crisi non strutturale, ma legata al calo degli ordinativi e alla
situazione contingente. Temiamo che questo processo possa svilupparsi ulteriormente in senso
negativo, arrivando anche a un aumento della cassa integrazione straordinaria, segnale di una crisi
più profonda”.

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *