• 2 March 2024
0 Comments

C’è effettivamente qualcosa che hanno in comune i due leader del cosiddetto “Terzo Polo”, ora che gli schieramenti per le elezioni in Lombardia si stanno sempre più chiaramente delineando. In effetti entrambi erano partiti come quelli che dovevano “rinnovare” il centro sinistra, con nuovi programmi, farne uno schieramento per giovani, addirittura arrivando a “rottamare” alcuni dei più illustri fondatori del Partito Democratico. 
“Avete fatto tanto per il PD negli anni scorsi” disse Renzi nel 2013 intanto che chiudeva fuori dalla porta alcuni di questi, “ma adesso anche basta ..”.

E’ cosi che, per una strana vendetta del destino (i filosofi la chiamerebbero “eterogenesi dei fini”) colui che aveva “rottamato” tra gli altri Massimo d’Alema, Rosi Bindi, Walter Veltroni, personalità politiche comunque la si pensi sono di grande spessore e intelligenza,  si ritrova oggi a diventare il primo sostenitore di Letizia Moratti, un emblema del berlusconismo degli anni Duemila, sottraendola alla naftalina a cui Fontana e Meloni, che non le aveva offerto neanche un posto da sottosegretaria, volevano ingiustamente condannarla !

Niente male per il fu “rottamatore” ! Lo stesso Calenda, che si era iscritto velocemente al PD nel 2018, quel tanto che bastava per farsi eleggere eurodeputato, e uscitone velocemente pochi mesi dopo, all’inizio voleva dare l’impressione di portare un profondo rinnovamento nello schieramento di centrosinistra.

Alla faccia ! Non si può neanche dire che, come si dice dell’evoluzione politica di alcuni personaggi, “Sono nati incendiari per diventare pompieri”!

Ci aspettiamo naturalmente ulteriori evoluzioni, visto che i due non mancano di sorprese nel “Polo” che sta riciclando tutti gli ex di Forza Italia, a partire da Gelmini e Carfagna,  e dati gli apprezzamenti di Calenda sulla Meloni, “Un Primo Ministro veramente preparato, a differenza di alcuni precedenti ” (così l’ha definita alludendo naturalmente a Giuseppe Conte) siamo sicuri che la loro corsa all’indietro non finirà certo qui !

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *