• 24 May 2024
0 Comments

Alle migliaia di vittime del terremoto che ha colpito Turchia e Siria se ne potrebbero aggiungere tragicamente molte altre se, come denuncia il medico turco Özgür Akbaba, sul campo non arriveranno le medicine e il materiale medico per curare le persone! Per questo Özgür Akbaba si rivolge alle case farmaceutiche affinché mandino subito le medicine che servono. Non ci sono medicine nei territori terremotati! Le vite umane valgono più dei profitti aziendali, se sei d’accordo firma subito la petizione di Özgür!

MANCANO MEDICINE NELLE ZONE TERREMOTATE. Chiediamo alle aziende farmaceutiche di agire

34.990 hanno firmato la petizione di Özgür Akbaba. Arriviamo a 35.000 firme!

Salve, sono Özgür Akbaba, un medico turco. Ho avviato questa petizione grazie alle informazioni che ho ricevuto dai miei colleghi nelle zone terremotate. La nostra più grande carenza in questo momento sono le MEDICINE.

Ci sono migliaia di feriti nell’area del terremoto. Gli ospedali sono pieni, oltre la loro capacità… I nostri operatori sanitari e i nostri colleghi medici che lavorano nella regione dicono di non poter prestare abbastanza aiuto a causa della mancanza di medicinali e di forniture…

I medici della regione e i medici volontari che vengono da altre città stanno lavorando con tutte le loro forze, ma mancano le medicine, le forniture mediche, il materiale chirurgico!

Ci sono centinaia di medici volontari, ma NESSUNA MEDICINA, NESSUN MATERIALE MEDICO!

Le aziende farmaceutiche e quelle produttrici di dispositivi e attrezzature mediche dovrebbero inviare farmaci e materiali GRATUITI nella regione il prima possibile.

Le aziende dovrebbero agire in coordinamento con il Ministero della Salute e donare gratuitamente i farmaci e i materiali mancanti agli ospedali bisognosi, consegnandoli il prima possibile alle istituzioni sanitarie necessarie. Oggi è il giorno in cui si dà priorità alla vita umana, non ai profitti aziendali…

Se queste carenze non vengono affrontate con urgenza, causeranno la morte, la disabilità o la sofferenza di altre centinaia di migliaia di persone!
Firma con un solo click

 

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *