• 3 March 2024
0 Comments

“Credo che il voto degli iscritti di questi giorni sia già un segnale della voglia di cambiamento e sono convinto che dalle primarie del 26 febbraio verrà un’ulteriore spinta in questa direzione. E le opposizioni inizino a ritrovarsi su battaglie comuni per dare all’Italia un progetto alternativo alla destra: il nuovo Pd che stiamo costruendo avrà al centro lavoro, scuola e sanità pubbliche, 5 Stelle e Terzo Polo sono pronti a impegnarsi con noi in Parlamento e nel Paese?”. Lo dice Stefano BONACCINI a proposito dell’esito del voto in Lazio e Lombardia.

“Ho detto per primo ”basta all’autoflagellazione” e non torno indietro: chiudiamo questa pagina e ne apriamo subito un’altra, con orgoglio e intelligenza -prosegue il candidato alla segreteria del Pd-. L’orgoglio deve essere quello di una comunità che ha perso ma non si perde. L’intelligenza deve essere quella di fare tesoro degli errori e darsi l’obiettivo di tornare a vincere”. “Perdere si può sempre in democrazia, ma l’obiettivo deve essere quello di vincere. Respingo alla radice ogni tentazione all’autoprotezione e all’autoconsolazione identitaria. Non vogliamo che il Pd diventi una ridotta ideologica e di testimonianza, un partito minoritario”, dice ancora BONACCINI. 

Pd: Bonaccini, protagonisti sconfitte si fermino un giro

Pd: Bonaccini, protagonisti sconfitte si fermino un giro . “Qualcuno ha detto che i migliori del Pd non starebbero con me, indicando persone che sono state protagoniste di questa serie di sconfitte. Io non ce l’ho con nessuno ma voglio aprire una storia diversa. Diciamo così: se quelli indicati sono i migliori allora si fermano un giro e stavolta facciamo giocare quelli che sono più banalmente normali, discreti, ma che hanno dimostrato di saper vincere contro la destra. Perché in democrazia il meglio o peggio dipende dal fatto che si vinca o che si perda. Il giudizio in democrazia lo danno i cittadini, non vale l’autovalutazione”. Lo dichiara il candidato alla segreteria del Pd, Stefano Bonaccini. (ANSA).

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *