• 24 May 2024
0 Comments

Con questo significativo e sincero impegno il gruppo dirigente del Partito Democratico, cerca di riprendersi dal cocente risultato negativo conseguito dalle recenti elezioni Politiche del 25 Settembre, aprendo una nuova fase costitutiva non solo del PD ma della sinistra in Italia.

Infatti non tutti hanno ancora compreso questo significativo cambiamento, non solo il circo mediatico, ma l’insieme dei cittadini italiani ed a tutte le forze progressiste che hanno a cuore il futuro democratico del paese e non condividono di essere rappresentati da un governo di Destra che rapidamente anche dai suoi primi “atti identitari” evidenzia tutta l’incapacità di non saper rispondere alle sfide imposte dalla crisi sistemica che stiamo attraversando.
Va inteso come un grande atto di umiltà e di coraggio che impone una seria analisi e riflessione rispetto alla necessità di avere uno strumento (nuova forza della sinistra) plurale, competente, radicata rappresentativa, propositiva nel saper tutelare gli strati sociali più esposti e vulnerabili, giovani, donne, lavoratori, pensionati, imprenditori autonomi, artigiani, l’ossatura della nostra società.

Questa campagna che è già in movimento coinvolge non solo gli iscritti e i militanti più vicini al PD, ma tutti i cittadini, le forze politiche le Associazioni che si richiamano alla democrazia alla Costituzione al lavoro alla Pace, che amano il futuro dell’Italia, dell’Europa, del mondo.
Sarà un percorso difficile che richiederà un profondo cambiamento di pensiero e d’azione in primis del gruppo dirigente che ha fallito su molti fronti, la mancata unità, che dovrà riconoscere e con saggezza favorire un cambio generazionale di comando, di idee nuove emergenti che non hanno saputo interpretare, abbinato ad un linguaggio comprensibile ed efficace.

Una nuova forma partito orizzontale ramificata nei territori e nei luoghi di lavoro e di aggregazione, che sappia generare una capacità di elaborazione dei problemi locali con la globalità delle tematiche e soluzioni, che sappia rifondere il necessario entusiasmo partecipativo, l’operatività delle analisi  del confronto delle idee e dell’azione concreta dei gruppi dirigenti ai vari livelli.

Le tematiche che ci attendono sono molteplici e complicate, la crisi economica accentuata dalla speculazione impunita su materie prime indispensabili come il Gas che si è decuplicato a spese dei cittadini delle famiglie e delle imprese, le diseguaglianze che rischiano di lacerare il nostro debole tessuto sociale, l’aumento del costo della vita sempre più incompatibile con stipendi e pensioni.

Il problema dei problemi, la guerra fratricida in Ucraina, dopo molti orrori e migliaia di morti e distruzioni, attende una soluzione politica, diplomatica, dare voce al dialogo che conduca alla pace, le sole armi potranno condurre ad una escalation sempre più pericolosa anche per la nostra sicurezza, la storia non può essere calpestata, la monolitica posizione del gruppo dirigente del PD, sostenta dai guerrafondai della NATO, non è condivisa dalla propria base e dall’ elettorato del Paese.

  Sergio Fenaroli

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *