• 23 May 2024
0 Comments

I DATI CERTIFICANO L’INCAPACITÀ DEL CENTRODESTRA
Il nostro portavoce Simone Verni – M5S Lombardia è intervenuto al termine dell’odierna seduta di Commissione Trasporti e Infrastrutture, che ha visto la partecipazione dell’Assessore Claudia Maria Terzi e dei vertici aziendali di Trenord:

“Oggi abbiamo avuto la conferma che, da quando Trenord e Regione Lombardia gestiscono il trasporto pubblico regionale, il servizio è peggiorato. Lo dicono gli stessi dati presentati dall’azienda in commissione.
Stupisce che Trenord fosse nata in pompa magna per sopperire a quelle che al tempo Regione Lombardia definiva come le inadeguate performance di Trenitalia, mentre oggi i dati dicono che Trenord non è mai stata in grado nemmeno di fornire quei livelli di prestazione.
A questo aggiungiamo che la disastrosa gestione va avanti nel segno di un rapporto pessimo con i viaggiatori. Persone che per l’azienda sono clienti, ma che per l’amministrazione pubblica sono cittadini e come tali hanno il diritto di essere ascoltati. Non solo perché sono persone che pagano due volte il servizio, sia tramite il biglietto che tramite le tasse, ma perché la pubblica amministrazione ha il dovere di farlo.

Invece l’Assessore Terzi e il Presidente Fontana consci dell’inadeguatezza del loro lavoro sono costantemente fuggiti dal confronto, arrivando al punto di disconoscere i rappresentanti delle sigle pendolari come degni interlocutori. Peggio ha fatto l’Azienda che è arrivata addirittura ad avviare procedimenti legali nei confronti di alcune persone. 
Nemmeno oggi abbiamo sentito idee e proposte per riportare i viaggiatori sui treni, o per sviluppare il trasporto pubblico locale.
Noi abbiamo proposto nuove forme tariffarie, diverse tipologie di abbonamento come ad esempio quelle tagliate sulle esigenze degli smart worker. Il mondo è cambiato dopo la pandemia, ma Regione Lombardia pare non rendersene conto, continuando a promuovere un modello aziendale incapace di intercettare il cambiamento.

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *