• 15 April 2024
0 Comments

LA PROTESTA DEL M5S. AI DIRIGENTI ALER 100MILA EURO IN PREMI PER RISULTATI RAGGIUNTI
Cinque i manager premiati con elargizioni tra 36mila e i 15mila euro. A sollevare il caso è il nostro portavoce Nicola Di Marco: “Assurdo riconoscere bonus, considerato come funziona l’azienda. Oltre centomila euro divisi tra cinque dirigenti. A tanto ammontano i premi riconosciuti da Aler Milano alle proprie figure apicali per i risultati raggiunti nell’anno 2021. 

Tempo fa avevo anche depositato una richiesta di informazioni per chiedere spiegazioni sull’elargizione di tali premi. E la risposta è arrivata in queste settimane. In sintesi: al direttore generale Domenico Ippolito sono stati riconosciuti 36mila euro di premio, al direttore tecnico-sociale sono stati riconosciuti 20mila euro, altrettanti al direttore dell’unità operativa di Rozzano e, infine, 15mila euro a testa al direttore amministrativo e al direttore dell’unità operativa di Sesto San Giovanni. 
In tutto fanno 106mila euro. 
Questi i numeri e i nomi contenuti nella risposta che mi è stata fornita da Aler. 
Dunque i dirigenti di Aler Milano si sono visti riconoscere premi da decine di migliaia di euro, per i risultati raggiunti nel 2021. 
Attualmente, come tutti sanno, Aler Milano non può certo vantare infatti risultati invidiabili con: oltre 10.000 alloggi vuoti, circa un miliardo di euro di fabbisogno manutentivo e oltre 25.000 nuclei familiari in attesa di un alloggio. Senza contare l’incapacità dimostrata nel non saper sfruttare le opportunità di manutenzione, ristrutturazione e riqualificazione energetica offerte dal Superbonus 110%, che ora il centrodestra vuole cancellare. Non esattamente risultati di cui andar fieri. 
Eppure ai cittadini è toccato pagare anche il premio produzione dei dirigenti. 

Secondo l’azienda, infatti, gli obiettivi elencati all’interno delle direttive regionali per il 2021 sarebbero stati raggiunti. A questo punto viene il dubbio che ad essere mal posti fossero proprio quegli stessi obiettivi, ipotesi che confermerebbe, ancora una volta tutta l’inadeguatezza e l’incapacità fin qui dimostrata dalla Giunta Fontana nell’ambito della gestione dell’edilizia pubblica. 
Nella visione dell’Azienda lombarda dell’edilizia pubblica, i premi rappresentano quindi una conseguenza di quanto perseguito con successo nel corso dei 12 mesi.
Questo è uno dei tanti motivi per cui come M5S ci batteremo con forza, nelle prossime settimane, per raccontare le nostre proposte per un’altra Lombardia.”

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *