• 23 May 2024
0 Comments

A Monza e Lecco lavoratori metalmeccanici in sciopero e in presidio davanti alle Prefetture
Anche sui territori di Monza Brianza e Lecco lo sciopero nazionale indetto per venerdi 7 luglio dalle categorie
sindacali dei metalmeccanici FIM CISL, FIOM CGIL e UILM UIL ha avuto ottimi risultati con adesioni
che, nelle aziende con particolari problematiche aziendali, hanno toccato il 70/80%.
Le parole di Enrico Vacca, Segretario Generale Fim CISL Monza Brianza Lecco “Si tratta di un risultato
assolutamente positivo. Le metalmeccaniche e le metalmeccaniche hanno recepito l’importanza dei temi
che riguardano le politiche industriali e le situazioni di crisi a livello nazionale e sui territori che FIM,
FIOM e UILM hanno voluto mettere al centro di questa mobilitazione. Per quanto riguarda i nostri
territori, quelli di Monza Brianza e Lecco, siamo stati ricevuti nelle due Prefetture che hanno recepito
sia i documenti presentati dalle categorie sindacali sullo sciopero e hanno voluto ascoltare le ragioni
del sindacato per la protesta di oggi, cogliendone gli spetti più importanti e impegnandosi a trasferire
al Ministero del Made in Italy, che è quello più direttamente coinvolto, le ragioni delle metalmeccaniche
e dei metalmeccanici. Nel complesso possiamo considerare la giornata di oggi un risultato positivo e un
punto di partenza per mettere al centro dell’azione sindacale e politica la categoria dei metalmeccanici
e il mondo industriale senza i quali non si può pensare di proseguire un discorso di sviluppo economico
e sociale del Paese.
Le ragioni dello sciopero
Transizione ecologica, digitale, energetica e tecnologica richiedono importanti scelte da parte del Governo
sui temi del lavoro e dell’industria, per far sì che i cambiamenti diventino altrettante occasioni per il
rilancio del settore, dell’occupazione e degli investimenti, per una transizione sostenibile e per la
risoluzione delle crisi aperte.
In sintesi, FIM, FIOM e UILM chiedono:

  • l’apertura di tavoli di confronto sui settori e sulle filiere in difficoltà per definire i piani di sviluppo;
  • l’incremento e il confronto sugli investimenti pubblici e privati nei settori strategici e la
    reindustrializzazione delle aree di crisi per garantire l’occupazione;
  • di valorizzare e sostenere il reddito da lavoro;
  • l’impegno comune al confronto e all’uso delle risorse del PNRR per lo sviluppo del settore
    metalmeccanico;
  • la riforma degli ammortizzatori sociali, con strumenti adeguati alla transizione ecologica e
    digitale;
  • l’incentivazione di contratti di espansione e di solidarietà, per ridurre l’orario di lavoro e favorire
    l’occupazione giovanile;
  • un piano di formazione sulle nuove competenze, la riqualificazione e la valorizzazione degli
    Istituti Tecnici Superiori e del sistema universitario;
  • di intervenire per aumentare la dimensione d’impresa, superare le gare al massimo ribasso negli
    appalti e stabilizzare il lavoro precario.

Federazione Italiana Metalmeccanici Monza Brianza Lecco

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *