• 17 April 2024
0 Comments

SUPERBONUS 110%: IL CENTRODESTRA LOMBARDO COMPLICE DI MELONI NELLO SMANTELLAMENTO DI QUESTA MISURA
Ieri, in Consiglio regionale, è stata bocciata la nostra mozione che impegnava la Giunta a sollecitare il Governo al mantenimento del Superbonus 110%.
Per il nostro portavoce Raffaele Erba: ”Le scelte del premier Meloni, in piena continuità con quelle operate dall’ultimo governo Draghi, hanno affossato il Superbonus condannando imprese e cittadini lombardi. 

Ieri a Roma imprese e lavoratori sono scesi in piazza per chiedere con forza il ripristino del Superbonus al 110%. Lo hanno fatto perché questa misura ha creato lavoro, rilanciato l’economia e contribuito alla transazione ecologica, alla riqualificazione energetica e al contenimento dell’aumento dei costi dell’energia. 
Le motivazioni con cui la misura è stata affossata si sono rivelate delle mere falsità. Hanno parlato di 40 miliardi di buco, ma leggendo la manovra finanziaria scopriamo che non ve ne è traccia: Meloni ha mentito. Hanno parlato delle truffe, per poi scoprire che ammontano al 3% sul totale dei beneficiari del Superbonus, dato notevolmente inferiore ad analoghi strumenti. 
Hanno parlato di aumento del costo dei materiali, per poi accorgersi che in Italia è stato inferiore di circa il 10% rispetto ad altri Paesi europei. Hanno detto che la misura aiutava solo i ricchi, per poi accorgersi che i principali beneficiari sono state le unità immobiliari all’interno dei condomini. In misura di cinque volte tanto rispetto alle unifamiliari. L’unica “colpa” del Superbonus è quella di essere una misura firmata, voluta e difesa dal Movimento Cinque Stelle. Motivo per cui hanno deliberatamente deciso di affossarla. 
Ieri abbiamo chiesto delle risposte al centrodestra. Risposte che questa Giunta non è in grado di dare, perché non ha il coraggio di andare contro alla scelta scellerata operata dal Governo Meloni, che sta mettendo in ginocchio le nostre imprese e i cittadini della Lombardia.”

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *