• 20 June 2024
0 Comments

Il risultato delle elezioni regionali è chiaro, con un’affermazione netta del centrodestra che riesce a riconfermare Attilio Fontana alla guida di Regione Lombardia.
Ce l’abbiamo messa tutta in questa campagna elettorale così breve e complicata e voglio, innanzitutto, ringraziare Pierfrancesco Majorino per la determinazione e la passione con cui ha condotto una battaglia politica contro tutti i pronostici. E un grande ringraziamento alla generosità di tutta la comunità delle democratiche e dei democratici, degli iscritti, dei candidati e degli amministratori che si sono spesi – tutti – fino all’ultimo istante.

Abbiamo provato a costruire un’offerta politica ampia e unitaria per un’alternativa credibile alla Giunta Fontana. Dopo le divisioni delle elezioni politiche avevamo proposto a tutte le forze politiche all’opposizione della Giunta Fontana di non guardare a Roma ma alla specificità lombarda, ai 5 anni di opposizione comune in Consiglio regionale (da Azione al Movimento 5 Stelle), alle tante elezioni amministrative dove siamo riusciti a costruire le ragioni dell’unità, vincendo anche nei comuni più difficili.

Con il M5S siamo riusciti, partendo dal confronto sui contenuti a trovare una condivisione sul programma, mentre Azione e Italia Viva, prima, hanno stracciato l’accordo che avevamo fatto, poi, si sono sottratti a qualunque confronto per costruire l’alternativa a questa destra, così forte in questo momento a livello nazionale e regionale.

Adesso condurremo l’opposizione, a livello regionale come a livello nazionale, senza sconti e con l’obiettivo di riallacciare i tanti fili spezzati nel rapporto con una parte significativa dell’elettorato.

Avremo modo nelle prossime ore di analizzare le ragioni di questo risultato in maniera più approfondita, determinati a rendere partecipato il percorso congressuale che vede impegnato il PD, nelle convenzioni dei circoli dei prossimi giorni e delle elezioni primarie del prossimo 26 febbraio.

Vinicio Peluffo 
Segretario regionale PD lombardo

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *