• 19 May 2024
0 Comments

Italia 25 Aprile 2023 – ACTUNG BANDITEN…!!!
Come “banditi” furono stati catalogati tutti i partigiani antifascisti di ogni estrazione e credenza che dopo l’8 Settembre 1943 hanno saputo riscattare l’onore dell’Italia contro il fascismo ed i nazisti che avevano occupato il nostro Paese.
Quella che incominciò in Italia dopo l’ 8 Settembre, non fu una guerra civile, ma fu l’inizio della lotta di Liberazione dal fascismo che negò la libertà a tutti gli italiani anche se in grande massa furono sostenitori del fascismo.
Una guerra civile si combatte tra forze che si equivalgono sul piano militare, quello che avvenne da quell’evento, sino alla fine della seconda guerra mondiale, al 25 Aprile 1945, fu un eccidio, un massacro correlato da rastrellamenti, deportazioni nei campi di sterminio, esecuzioni arbitrarie indiscriminate sulla popolazione inerte, giovani e soldati sbandati che si rifugiarono sulle montagne per sfuggire alla tirannide nazifascista.
L’amnistia prima e la guerra fredda poi, impedirono alla giovane democrazia di processare molti fascisti che si erano macchiati di crimini inumani e non solo, gradualmente vennero via via recuperati e reinseriti nei loro posti di potere e direzione dell’Amministrazione statale, beffando di fatto la “giustizia negata” alle migliaia di vittime del fascismo che chiedono giustizia ancora ai giorni nostri.
I giorni nostri registrano un governo che ingloba gli eredi diretti di quella parte di italiani che mai si sono riconosciuti nei valori antifascisti della nostra Legge Madre, la Costituzione che è nata dalla lotta al fascismo e del nazismo, razzista, xenofobo, primatista, trampiano, si è creata una situazione preoccupante e provocatoria.
I giorni nostri registrano una guerra fratricida in Ucraina, avvitata in una pericolosa escalation che ci coinvolge direttamente, scientemente studiata e pianificata da decenni dalle èlites occidentali emersa alle cronache dalla scellerata invasione decisa da Putin, il 24 Febbraio 2022.
La democrazia e la Pace è sempre più in pericolo, le popolazioni si sentono allo sbando e sempre più insicure rispetto al futuro minacciato visivamente da un cambiamento climatico conseguente ad uno sviluppo industriale ed economico autolesivo che si ripercuote sulle popolazioni più povere della Terra, costrette all’emigrazione, all’emarginazione, alla schiavitù al rischio della loro vita.
Un nuovo ordine mondiale è sempre più necessario, la diplomazia ed il rispetto reciproco devono prevalere agli egoismi ed ai dominatori e dittatori che hanno fallito, gli oligarchi hanno esaurito il loro tempo insieme a chi nella democrazia si sono fatti gioco della stessa per imporre scelte non condivise dai loro popoli.
Per noi è sempre 25 Aprile e 1° Maggio, le feste della Libertà e la festa internazionale dei lavoratori di tutto il mondo, quest’anno ritorneremo a Cuba, ringrazieremo i medici della Brigata Internazionale Henry Reeve che vennero in Italia in nostro aiuto durante la Pandemia del COVID-19, sfileremo nella mitica Plaza de la Revolucion con le nostre idee e volontà di pace di coesistenza e cooperazione, porteremo le nostre bandiere della Pace dell’Italia e della CGIL.

Lecco 22 Aprile 2023 Sergio Fenaroli

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *