• 24 May 2024
0 Comments

La Provincia di Lecco propone a Villa Monastero di Varenna una serie di mostre e iniziative culturali, in buona parte legate agli importanti progetti di restauro e valorizzazione, sostenuti grazie ai finanziamenti del Ministero della Cultura e del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Le proposte culturali sono curate dal conservatore della Casa Museo Anna Ranzi.

“Quest’anno – commentano la Presidente della Provincia di Lecco Alessandra Hofmann e la Consigliere provinciale delegata a Cultura e Beni culturali, Turismo, Villa Monastero Fiorenza Albani – abbiamo voluto predisporre un calendario di mostre e attività culturali ricco di iniziative, dedicate alla valorizzazione della Villa e del Giardino botanico, oggetto in questi mesi di significativi interventi di riqualificazione. Queste iniziative sono il frutto di costanti attività di studio e di ricerca volte a soddisfare gli svariati interessi dei visitatori. Non mancheranno approfondimenti sulle vicende storiche e artistiche della Villa, posti in relazione con il territorio provinciale. Una proposta culturale che aggiunge valore al nostro gioiello, in una veste completamente rinnovata”.

Descrizione iniziative

Nell’ambito dell’edizione Primavera dell’iniziativa Ville Aperte in Brianza, organizzata dalla Provincia di Monza e Brianza e intitolata Tra Dimore e Delizie, sono previste visite guidate al Giardino botanico sabato 29 aprile alle 14.30 e alle 16.00, domenica 30 aprile, sabato 6 e domenica 7 maggio alle 10.00 e alle 11.30, con prenotazione obbligatoria sul sito www.villeaperte.info. Domenica 7 maggio alle 16.00 e alle 17.15 è in programma il concerto “Opera spettacolare”; musiche di Verdi, Ponchielli, Puccini, Catalani, Gomes, a cura della Filarmonica Giuseppe Verdi di Lecco. In occasione del concerto, alle 15.30 e alle 16.30 sarà possibile partecipare alla visita guidata “Un percorso tra scapigliatura e botanica a Villa Monastero”, a cura del conservatore Anna Ranzi.

Fino al 30 aprile Villa Monastero partecipa alla manifestazione Camelie sul Lario, che dal 2011 vede la collaborazione delle più prestigiose ville lariane, come Villa Carlotta di Tremezzo e Villa Melzi di Bellagio.
L’iniziativa prevede l’integrazione della collezione di camelie presente nel Giardino botanico con l’acquisto di quattro esemplari indicati dalla Fondazione Minoprio che segue da anni l’aspetto botanico-scientifico del parco. Si tratta di due preziosi esemplari di Camelia Snowball e di Camelia Lavinia Maggi Alba dall’elegante colore bianco, collocati nel parterre a lago e quindi trapiantati nel giardino.

Dall’11 al 14 maggio Villa Monastero sarà nuovamente presente a FuoriOrticola, iniziativa organizzata da Orticola che dal 1996 anima i Giardini di via Palestro a Milano e che quest’anno coinvolge numerosi e importanti musei cittadini: il Museo Bagatti Valsecchi, la Galleria d’arte moderna, il Museo nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, il Museo Poldi Pezzoli, l’Orto botanico di Brera, la Triennale. Interessante novità La voce di Orticola, una serie di podcast per conoscere alcune curiosità botaniche. Il tema proposto è “l’intelligenza delle piante”; il Giardino botanico di Villa Monastero offrirà un approfondimento sul comportamento della Magnolia grandiflora, una delle piante più antiche conservate. Il fondatore e primo presidente di Orticola fu il noto industriale lecchese Egidio Gavazzi, nato a Valmadrera nel 1818 e morto nel 1877, grande appassionato di botanica.

Dal 18 maggio al 18 giugno, in occasione della Giornata internazionale dei musei Icom, verrà presentato un inedito album fotografico di Villa Monastero e del suo giardino, curato da Achille De Marchi, discendente degli ultimi proprietari che lasciarono la Villa per il pubblico utilizzo. L’album verrà donato alle collezioni museali dopo la mostra. L’esposizione sarà corredata da fotografie e riproduzioni della dimora e del parco, realizzate nei primi due decenni del Novecento, alcune delle quali presentano personaggi della famiglia De Marchi. L’iniziativa verrà proposta in relazione alla manifestazione estiva Tra monti e acque… il nostro territorio racconta, in occasione del 20° anniversario dell’evento che quest’anno sarà dedicato al tema della fotografia, in collaborazione con il Sistema Museale della provincia di Lecco.

Dal 1° giugno al 2 luglio si svolgerà la mostra Orlando Sora (1903-1981) a Villa Monastero. In occasione dei 120 anni della nascita dell’artista, si propone l’esposizione di una circoscritta serie di opere del pittore provenienti da collezioni private locali che risalgono allo stesso periodo di esecuzione (anni Trenta-Cinquanta del ‘900). Le opere verranno affiancate ai ritratti dei personaggi della famiglia Wilhelm, recentemente donati alla Casa Museo.

Sabato 3 giugno in occasione di Appuntamento in Giardino, manifestazione organizzata dall’Associazione Parchi e Giardini d’Italia, si terrà una visita laboratoriale rivolta alle famiglie, con la collaborazione della Fondazione Minoprio, sul tema percorsi d’acqua e fontane. E’ prevista l’apertura straordinaria serale di Villa Monastero fino alle 21.00.

Durante i mesi di giugno, luglio e novembre si terranno tre Passeggiate creative culturali-naturalistiche nel Giardino botanico in occasione del bimillenario di Plinio il vecchio. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’associazione “Il sentiero dei sogni”, in relazione alle attività programmate dal Comitato nazionale per le celebrazioni pliniane e si inserisce nell’ambito del progetto Pnrr “Valorizzazione dell’identità del Giardino storico di Villa Monastero”.

Dal 1° luglio al 27 agosto si terrà la mostra Donne di fiori – Gerardo Bianchi (Monza 1845-1922), pittore fotografo. In occasione del recente centenario della morte dell’artista, appartenente alla nota famiglia di pittori lombardi che comprendeva il padre Giosuè, il fratello Mosè che fece parte della Scapigliatura lombarda, i nipoti Pompeo Mariani e Emilio Borsa, si propone una serie di 30 dipinti inediti provenienti da collezioni private lombarde. L’iniziativa sarà integrata da fotografie-ritratto di personaggi dell’epoca. I dipinti presentati sono composizioni floreali e paesaggi naturalistici, di cui Bianchi fu riconosciuto specialista, che documentano anche le attività agricole della Brianza: l’autore espose nel 1915 a Brera “La Grigna da Magreglio”, dipinto ambientato sul lago di Como. Diverse opere sono conservate nei Musei civici di Monza, oltre che nella quadreria dell’Ospedale San Gerardo di Monza. L’archivio di Villa Monastero conserva lettere di personaggi della Scapigliatura del Fondo Ghislanzoni.

Dal 2 al 24 settembre, in occasione delle Giornate Europee del patrimonio, è in programma l’iniziativa Carpi Frisia Gola, memorie di un territorio dedicata alla valorizzazione degli artisti che hanno lavorato nel lecchese. Un’esposizione che nasce dalla collaborazione tra Provincia di Lecco, Comune di Merate e Comune di Olgiate Molgora. In relazione al duplice anniversario dell’artista meratese Donato Frisia (1883-1953), formatosi all’Accademia di Brera dove vinse i Premi Mylius e Principe Umberto, le cui opere furono esposte alla Permanente di Milano e all’Esposizione internazionale Biennale di Venezia, e del centenario della morte del pittore milanese Emilio Gola (1851-1923), cui si lega il 50° della morte di Aldo Carpi (1886-1973), anch’egli milanese, si vuole ricordare attraverso una mostra congiunta il legame di amicizia e di lavoro tra questi tre artisti, nato dalla loro frequentazione della Brianza.

Dal 16 settembre al 1° ottobre Villa Monastero parteciperà attraverso visite guidate all’edizione Autunno di Ville Aperte in Brianza, che prevede l’apertura dei beni storico-artistici dei partner della manifestazione.

Da ottobre a dicembre, in occasione del 150° anniversario della morte di Alessandro Manzoni, si svolgerà la mostra Percorsi tra paesaggi, moda e sentimenti: Manzoni, Blondel e Beccaria. L’iniziativa propone una serie di dipinti dedicati al paesaggio lacustre, alcuni inediti, risalenti all’età manzoniana e opera di pittori attivi nel territorio lombardo e lecchese. Tra loro Carlo Pizzi (1842-1909), Ercole Calvi (1824-1900) e uno specifico approfondimento sulla figura di Antonietta Curioni de’ Civati Beccaria (1805-1866), in relazione all’epoca in cui Villa Monastero fu di proprietà di Carolina Maumari Blondel Seufferheld (1869-1894), nipote di Enrichetta Blondel, prima moglie di Manzoni e cognata di Massimo d’Azeglio. La mostra sarà inoltre corredata da una serie di piccoli ritratti e miniature di autori appartenenti alla stessa epoca e da altri cimeli manzoniani.

A dicembre tornerà la consueta iniziativa Natale a Villa Monastero, con la presentazione di un dipinto legato al tema della Natività.

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *