• 24 May 2024
0 Comments

La destra nei palazzi calpesta i diritti dei lavoratori, noi in piazza al loro fianco.
Dopo il partecipatissimo 25 aprile, l’1 maggio torniamo in corteo a Milano. Questo Primo Maggio lo dedichiamo a una battaglia che stiamo portando avanti da tempo dentro e fuori le istituzioni, quella per il salario minimo. Una misura giusta per dire, una volta per tutte, basta allo sfruttamento.
Il lavoro povero ha portato a una insicurezza sempre più galoppante nel nostro Paese insieme a quello nero e precario. Come per i tanti diritti che non possono essere messi in discussione, tutte e tutti hanno diritto anche a un lavoro dignitoso.
Il salario minimo sarebbe già realtà se non fosse stato fatto cadere in modo scellerato lo scorso esecutivo. In questa legislatura lo abbiamo riportato in Parlamento e continueremo a riproporlo, la sua approvazione cancellerebbe il lavoro pagato poco riducendo lo sfruttamento ancora troppo presente in tutte le latitudini del nostro Paese. Non solo occupazione, ma occupazione di qualità. A questa battaglia affiancheremo quella contro la precarietà e per sempre più diritti a lavoratrici e lavoratori.
Ma al governo poco importa di loro, proprio l’1 maggio volevano riunirsi per tagliare sul welfare e promuovere i contratti a termine, cioè precariato. Missione fallita dopo che oggi la maggioranza è andata sotto alla Camera sul Def. Lunedì non mancare, ci vediamo dietro al nostro striscione “Salario minimo subito” alle 8.45 in Corso Venezia all’altezza del civico 49.

Silvia Roggiani

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *