• 19 May 2024
0 Comments

“Regione Lombardia scarica i cittadini, trincerandosi dietro la fama di eccellenza sanitaria italiana: se prima i lombardi che rinunciavano alle cure erano 1 su 20, ora siamo a 1 su 9. L’alternativa è pagare. Volevamo iniziare a correggere le storture lavorando insieme alla maggioranza anche per chiedere al Governo Meloni di invertire il trend sul definanziamento del servizio sanitario regionale, perché c’è bisogno di più risorse e più riforme per rendere il sistema socio sanitario lombardo meno discriminante. Ma il centrodestra ci ha sbattuto la porta in faccia”, lo ha detto Pierfrancesco Majorino, capogruppo regionale del Pd, al termine della trattazione della mozione dem sulle emergenze della sanità lombarda, bocciata dalla maggioranza.

“L’assessore Bertolaso, rispondendoci, ha anche parlato di anarchia delle singole strutture sanitarie e io sono molto d’accordo con lui perché manca una politica regionale forte e una volontà di riorganizzare il sistema, come abbiamo proposto nella nostra mozione – ha proseguito Majorino –. Soprattutto mi preoccupa la mancanza di un piano riguardante le case di comunità: siamo solo a metà del programma, rischiamo di perdere la grande occasione del Pnrr per responsabilità dirette, non c’è nessun tipo di organizzazione, non si affronta in nessun modo il tema del personale, anzi oggi si dà la responsabilità tutta a Roma e intanto Regione si gira dall’altra parte”.

Carlo Borghetti, consigliere regionale del Pd, primo firmatario della mozione: “La nostra intenzione è salvare e rilanciare la sanità pubblica in Lombardia, a partire dalle emergenze, cioè la carenza di medici di famiglia e le liste d’attesa. Ma abbiamo chiesto anche alla Giunta di attivarsi urgentemente con il Governo per scongiurare il definanziamento del servizio sanitario nazionale, come previsto dal Def 2023. Per questo, stamattina, in consiglio regionale, abbiamo presentato la mozione d’indirizzo con alcune proposte specifiche per risolvere i temi che toccano da vicino i singoli cittadini. Ci siamo davvero stupiti che questa nuova Giunta non voglia pianificare gli obiettivi, i tempi, le risorse per risolvere dei problemi veri e pressanti come questi”.
I dem: “La bocciatura della mozione con la richiesta di rinviarla in Commissione Sanità, è stata una vera e propria “porta sbattuta in faccia alla minoranza”

“Noi abbiamo semplicemente chiesto di fare dei piani e Bertolaso sa perfettamente come si organizzano: servono innanzitutto delle risorse, vanno individuati dei passi da fare, delle verifiche durante il percorso. Se ne poteva discutere, potevamo continuare a dettagliarli insieme. Ad esempio: vogliamo rivedere gli ambiti carenti? Vogliamo mettere in rete i medici di base? Vogliamo dargli il supporto di un infermiere, di una segretaria? E per le liste d’attesa serve un’agenda unica dove il privato fa tutte le prestazioni, non solo quelle che decide di fare. Infine, ricordo che il Piano socio sanitario è scaduto da 9 anni, sono quasi due lustri che non abbiamo un indirizzo”.

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *