• 20 June 2024
0 Comments
GIRO D’ITALIA IN LOMBARDIA, ASSESSORE CARUSO: OPPORTUNITÀ PER ACCENDERE I RIFLETTORI SUI NOSTRI TESORI CULTURALI
“L’arrivo del Giro d’Italia in Lombardia rappresenta un’ulteriore vetrina per valorizzare le bellezze e il patrimonio culturale dei nostri territori”. Così l’assessore alla Cultura di Regione Lombardia, Francesca Caruso, sul passaggio della corsa rosa nella nostra Regione.  “Il Giro – prosegue l’assessore – è da sempre una manifestazione che, più di ogni altra, permette di scoprire luoghi magari poco noti al grande pubblico. Luoghi che però custodiscono un patrimonio di bellezza e cultura, e che tramandano le tradizioni e le identità locali”.  “In sella alla loro bicicletta i campioni del Giro – evidenzia Caruso – con la loro tenacia, fatica e velocità, riescono a farci cogliere la bellezza dei territori e dei paesaggi che attraversano”.  “Il mio percorso politico mi ha portata a impegnarmi già da tempo nell’ambito della promozione di una cultura della sicurezza stradale, soprattutto a livello territoriale. E il ciclismo si inserisce perfettamente in quest’ottica”. 

CONNUBIO TRA SPORT E CULTURA – “I nostri laghi, le nostre montagne e le nostre città – sottolinea l’assessore – diventano così la cornice ideale per celebrare il connubio tra sport e cultura, quest’anno in particolare, grazie alla straordinaria opportunità data da Bergamo e Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023″. 

SITI DI INTERESSE CULTURALE – “Nella tappa di domenica 21 maggio – spiega ancora l’assessore – con arrivo a Bergamo, il Giro darà lustro a importanti siti di interesse culturale della nostra Regione, oltre alle bellezze artistiche cittadine di cui Bergamo è ricca. Penso ad Almenno San Bartolomeo, con il parco del Romanico e la meravigliosa ‘Rotonda di San Tomè’ (nella foto), esempio unico di architettura religiosa medievale con la sua pianta circolare. E ancora il Museo del Falegname Tino Sana, con la sala dedicata alla bicicletta che espone esemplari dal 1820 a oggi. In ultimo, ma non per importanza, i siti Unesco presenti sul territorio”.   “L’arrivo delle tappe del Giro d’Italia – conclude l’assessore – è sempre un motivo di festa e orgoglio per le singole comunità locali, che celebrano l’evento anche con opere destinate a durare nel tempo e a diventare patrimonio artistico. Siamo contenti di accogliere una manifestazione sportiva di portata internazionale che permette di accendere i riflettori anche sulla Lombardia, esaltando le particolarità e le unicità anche culturali dei nostri luoghi nel mondo”. (LNews)
Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *