• 24 May 2024
0 Comments

GIOVANI, 3 MILIONI DI EURO PER IL BANDO DESTINATO A PROGETTI CHE VEDONO PROTAGONISTI I RAGAZZI TRA I 15 E I 34 ANNI

È di oltre 3 milioni di euro lo stanziamento per il bando ‘La Lombardia è dei giovani 2023’, destinato a chi, tra i 15 e i 34 anni risiede, studia e lavora nella regione.
Al bando possono partecipare partenariati composti da 4 soggetti, di cui un capofila individuato tra i Comuni, le Comunità Montane e le Unioni di Comuni o le Aziende speciali capofila di Ambito territoriale. Nel partenariato è obbligatorio il coinvolgimento di almeno un soggetto privato o del privato sociale con sede operativa in Lombardia.

Il progetto è stato illustrato a Palazzo Pirelli dal sottosegretario regionale ai Giovani e Sport Lara Magoni (nella foto). Partner dell’iniziativa è l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, rappresentata dal presidente di Anci Lombardia Mauro Guerra.
“E’ un bando importante – ha sottolineato Lara Magoni – anche da un punto di vista economico. Mette infatti a disposizione dei territori 3.120.000 euro con finanziamenti che partono che vanno dai 30.000 ai 70.000 euro. Questi importi sono finanziati al 70% ed hanno l’obiettivo di promuovere l’integrazione dei nostri giovani. L’impegno è inoltre quello di sperimentare modelli innovativi e stimolare iniziative nuove soprattutto per recuperare quelli che sono più in difficoltà, i cosiddetti Neet”.

Tra gli obiettivi del bando c’è anche quello di promuovere una integrazione e uno sviluppo nell’offerta dei servizi per i giovani, orientando gli interventi sui bisogni reali e personalizzando la risposta in base alle esigenze specifiche. Il bando vuole inoltre stimolare la nascita di iniziative nuove. In particolare, intende coinvolgere i territori dove i servizi o le azioni per i giovani ancora non sono presenti o sono poco strutturati. Tra gli intenti vi è infatti anche quello di sostenere la sperimentazione di modelli più innovativi.

“Abbiamo voluto mettere insieme più soggetti pubblico e privato – ha continuato Magoni – società sportive e di volontariato, un insieme cioè di sinergie per mettere in campo progettualità importanti nella mission che ci siamo prefissati, cioè coinvolgere i nostri giovani e recuperare i più fragili”.

Al bando possono partecipare partenariati composti da 4 soggetti, di cui un capofila individuato tra i Comuni, le Comunità Montane e le Unioni di Comuni o le Aziende speciali capofila di Ambito territoriale. Nel partenariato è obbligatorio il coinvolgimento di almeno un soggetto privato o del privato sociale con sede operativa in Lombardia.

Le domanda devono essere presentate sulla piattaforma informativa Bandi online (bandi.regione.lombardia.it) fino al prossimo 19 maggio.
LNews

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *