• 24 May 2024
0 Comments

La giustizia degli uomini secondo Alessandro Manzoni: la Storia della Colonna Infame

Convegno dei Rotary Club Manzoni-Lecco-Le Grigne con Alberto Barzanò (Docente di Storia romana all’Università Cattolica, Milano), Enrico Manzi (Presidente della 2^ Sezione Penale Corte d’Appello di Milano), Mauro Rossetto (Direttore scientifico Museo Manzoniano), Gianluigi Daccò (studioso di Alessandro Manzoni); coordina l’Avvocato Giovanni Priore

Giovedì 25 maggio | ore 18,00 | Villa Manzoni

Sarà la giustizia, uno dei temi più cari ad Alessandro Manzoni, l’argomento del Convegno organizzato dai Rotary Club Manzoni-Lecco-Le Grigne nell’ambito della rassegna “Una città per Manzoni”, manifestazione promossa dal Comune di Lecco – Si.M.U.L in occasione dei 150 anni dalla scomparsa del celebre autore.

L’appuntamento è per giovedì 25 maggio alle 18.00 a Villa Manzoni e s’intitola “La giustizia degli uomini secondo Alessandro Manzoni: la Storia della Colonna Infame”.

Davvero di alto profilo i relatori. Alberto Barzanò (Docente di Storia Romana all’Università Cattolica di Milano), rifletterà su “L’humanitas come fondamento della giustizia degli uomini dalla Roma repubblicana ai nostri giorni”. “L’idea romana di humanitas rappresenta la base del nostro concetto di giustizia – spiega – attraverso la riflessione dei primi filosofi politici moderni e rivoluzionari durante il Settecento, un vero e proprio spartiacque, arriva ad essere quel valore imprescindibile del diritto tradotto oggi in ciò che noi definiamo “diritti umani”.

Enrico Manzi, (Presidente della 2^ Sezione Penale della Corte d’Appello di Milano) proporrà un intervento dal titolo “Il processo penale nella storia della Colonna Infame”: “Quest’opera mi ha sempre colpito, fin da quando, fresco di laurea, ne ascoltai la rilettura di Martinazzoli, per la sua attualità e per la capacità di compendiare il pensiero filosofico, politico e culturale di Manzoni. È un’opera morale e di storia del diritto che ci suggerisce che nessuna legge ci garantisce un giusto processo o la giustizia, ma solo l’umiltà di ricercare la verità senza pregiudizi, sfuggendo alle pressioni di chi cerca sempre e per forza un capro espiatorio”.

Mauro Rossetto (Direttore Museo Manzoniano e Coordinatore della Rassegna per il Centocinquantesimo), invece, avrà il compito di approfondire “La vittoria della Storia sull’Invenzione: la genesi de La Colonna Infame all’interno del capolavoro manzoniano”. Rossetto si concentrerà sul legame imprescindibile tra il saggio e la genesi de “I promessi sposi”. “Manzoni, inizialmente, pensò di utilizzare proprio la vicenda della condanna e uccisione di Giangiacomo Mora e delle altre vittime dell’ignoranza, dell’opportunismo delle autorità politiche e giudiziarie, come canovaccio della trama di tutto il romanzo; successivamente, nella prima stesura, decise di farne un capitolo del romanzo, all’interno della sezione che trattava della diffusione della peste nel Milanese. Infine, vista la corposità che prendeva il testo, ne fece un’opera a sé, ma poi si risolse a non pubblicarla con un volume a parte, perché voleva dargli la massima diffusione, dato il valore che per lui rappresentava. Inoltre, pose la parola “fine” nella Quarantana de I promessi sposi, l’editio princeps che abbiamo studiato a scuola, solo dopo il termine de La Colonna Infame. Un ribaltamento totale rispetto alla vulgata che abbiamo maldigerito da studenti, del lieto fine che grazie alla Provvidenza risolve tutto e fa vincere i buoni sui cattivi”.

Gianluigi Daccò, già Direttore del S.I.M.U.L e profondo studioso di Alessandro Manzoni, presenterà “Un gran male fatto senza ragione da uomini a uomini”: “Di fronte alla evidenza della tragicità della storia – degli innocenti condannati a morte per una colpa impossibile – Manzoni si pone il problema per eccellenza per un cristiano, e cioè come spiegare la realtà del dolore innocente di fronte alla onnipotenza divina”, spiega.

A coordinare l’evento sarà l’avvocato Giovanni Priore, Vicepresidente del Rotary Club Manzoni, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Lecco e ideatore del Convegno: “Desideravamo contribuire al progetto di iniziative della nostra città per i 150 anni della scomparsa di Manzoni ed abbiamo scelto di farlo individuando un tema di grande attualità come è quello della giustizia”.

Il Convegno avrà valore formativo per gli Avvocati che parteciperanno ed assegnerà 3 crediti, di cui 1 in materie obbligatorie.
L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.
La prenotazione obbligatoria: prenotazioni@manzonilecco150anni.it

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *