• 20 June 2024
0 Comments

Ricordo benissimo l’emozione, la rabbia, lo sconforto, che coinvolse tutti noi militanti del Partito Comunista Italiano allora impegnati nella Festa Nazionale dell’Unità che si svolgeva nel parco del Castello sforzesco di Milano, pronta fu la nostra reazione e mobilitazione contro il Golpe di Stato dei militari, a sostegno del Presidente Salvador Allende che sacrificò la propria vita a difesa del mandato ricevuto dal popolo cileno.
Fu davvero impressionante la solidarietà che si manifestò in ogni parte del mondo contro il golpe di Pinochet appoggiato ed ispirato dall’allora Segretario di Stato Henry Kissinger e dal Governo USA.
I rastrellamenti, le torture ed i massacri furono concomitanti contro studenti, lavoratori, semplici cittadini che difendevano la democrazia ed il governo progressista, oltre 40 mila furono le persone torturate, diverse migliaia furono uccise ed altrettante sparirono proprio “desaparecidos”.

Quel dramma di un popolo tanto lontano ma allo stesso tempo vicino a noi per la propria composizione sociale culturale e religiosa, spinse e stimolò l’elaborazione del gruppo dirigente comunista guidato allora da Enrico Berlinguer, a trarne insegnamento.
Le tre grandi componenti sociali popolari cattoliche, comuniste e socialiste dovevano insieme elaborare nella loro diversità strategie e programmi convergenti condivisi per il governo del Paese, tale strategia di rilevante portata e prospettiva rappresentava anche per l’Italia un percorso valido da sostenere, con tale scopo e finalità venne elaborato e proposto il “compromesso storico”.
Quel percorso democratico rappresentò per me e per milioni di militanti non solo comunisti, una vera scuola di vita, che avremmo dovuto elaborare studiare e praticare quotidianamente nei nostri luoghi di vita e di lavoro, nelle Sezioni. Eravamo nel 1973, nel 1969 c’era stata la strage di Piazza Fontana, contro le conquiste dei lavoratori, i fermenti di cambiamento in Italia erano diffusi, le aspettative vennero soffocate nella “strategia della tensione” fomentata ad arte con le stragi di Stato e le “Brigate Rosse” il rapimento, l’uccisione della scorta e poi di Aldo Moro, fermarono tale prospettiva, ma non l’idea strategica di governo a tutt’oggi auspicabile e possibile.

Il 18 ottobre 2019 ebbi la fortuna di giungere a Santiago del Cile con un gruppo di amici per un viaggio di conoscenza, la guida Pedro un italo cileno, ci informò preoccupato che con probabilità non avrebbe rispettato il programma delle nostre visite in quanto proprio la stessa notte il governo aveva deciso lo “stato d’emergenza” contro le mobilitazioni decise dal sindacato e dagli studenti per l’eccessivo aumento deciso per i mezzi pubblici di trasporto.

Giunti in Piazza Italia, gremita da giovani studenti, iniziarono i primi scontri, con gli idranti della polizia per contrastare la protesta, che simultaneamente si diffuse in tutto il paese; ovunque andavamo al Nord a San Pedro de Atacama, al Sud a Punta Arenas nella Patagonia cilena persino a Rapa Nui nell’isola di Pasqua partecipammo entusiasti a tutte le manifestazioni del popolo cileno.
Eravamo felicissimi al nostro rientro in Italia, consapevoli di avere partecipato di persona ad un evento storico in Cile, che avrebbe aperto una nuova fase politica per quel popolo.
Infatti nel Marzo 2022 le nuove elezioni hanno visto la vittoria del giovane Presidente Gabriel Boric, ora impegnato ad elaborare una nuova Costituzione, un potenziale erede di Salvador Allende.

Lecco, 11 Settembre 2023
Sergio Fenaroli

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *