• 2 March 2024
0 Comments

Di quello che è successo ad Ardesio se ne parla con il cuore un poco meno pesante perché non ci sono stati feriti, la macchina dell’emergenza si è avviata in fretta, i volontari sono tanti così come la voglia di aiutare le persone rimaste isolate o sfollate. A loro vanno dedicate tutte le azioni di cui c’è bisogno in questo momento.
I danni però sono molti, come molta è stata la paura per una tragedia sfiorata.
Che deve essere l’occasione per dirsi alcune cose riguardo alle centrali idroelettriche: perché se è vero che le dighe sono controllate costantemente da un ente terzo e pubblico, l’UTD – Ufficio Tecnico per le Dighe, che dipende dal Ministero delle Infrastrutture – per tutti gli altri manufatti – condotte, centrali, canali convogliatori – la verifica e la manutenzione sono affidate agli stessi concessionari che le utilizzano per produrre energia.
Concessionari che – non è un mistero – hanno realizzato utili enormi negli anni scorsi e che avvicinandosi la scadenza delle concessioni, senza la certezza di essere ancora i gestori, hanno mediamente ridotto gli investimenti e le manutenzioni.
Prima una volta all’anno, poi una volta ogni tre o cinque, anche se quei manufatti hanno 70, 80 o 100 anni. E’ come se invecchiando decidessimo di fare meno visite. Ma c’è bisogno del contrario.
Alla scadenza delle concessioni la proprietà passerà dallo Stato alla Regione e si discute in questi mesi del rinnovo ai gestori. Per l’utilizzo della risorsa acqua, a loro va semplicemente chiesto di più: in termini di ritorno economico per i territori che ospitano le centrali, in termini di investimenti nella manutenzione e nella sicurezza.
Di condotte che hanno 100 anni ne abbiamo tante. Questa tragedia sfiorata non può essere sprecata.

Jacopo Scandella

Condividi l'Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *